L’ABC della donazione
in 15 semplici risposte

2018-07-30T12:43:34+00:00 27 Luglio 2018|Curiosità|
Se vado a donare, quanto tempo devo prevedere? E ancora, ma quanto sangue mi prenderanno? Ci posso andare davvero da solo o devo essere accompagnato? In auto o devo prendere l’autobus perché non posso guidare dopo? Abbiamo raccolto un po’ di domande che un donatore alle prime armi può farsi e abbiamo cercato di dare risposte semplici. Buona lettura.
Quanto dura una donazione di sangue?
La donazione vera e propria dura solo dieci minuti circa. Bisogna calcolare anche altri 10 minuti di riposo sul lettino per evitare spiacevoli reazioni avverse.
Posso mangiare o bere qualcosa prima della donazione?
Prima della donazione è consentita l’assunzione di tè, caffè, latte, succhi di frutta, a meno che non sia previsto, in occasione della donazione, anche il prelievo di campioni di sangue per le analisi di controllo dello stato di salute del donatore: in questo caso occorre il digiuno.
Si può guidare dopo la donazione?
Sì, senza problemi, ovviamente a condizione di sentirsi bene.
450 ml di sangue, non sono troppi?
Il volume del prelievo di sangue intero è stabilito dal D.M. 3/3/2005 (allegato 1) ed è uguale a 450 millilitri, più o meno il 10%. Un adulto dispone di quattro/sei litri di sangue, a seconda del peso.
Quali sono i tempi di ripresa dell’organismo?
Rispetto al volume totale di sangue presente nell’organismo la quantità di sangue prelevato è talmente minima che la sua perdita viene rapidamente compensata.
Di quanto sangue c’è bisogno in Italia?
Secondo gli standard stabiliti dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e il Consiglio d’Europa, sono necessarie 40.000 unità di sangue intero per ogni milione d’abitanti. Nel nostro paese, di conseguenza, servono circa 2.300.000 unità di sangue intero e 1.077.000 litri di plasma l’anno affinché siano soddisfatte le sue esigenze sanitarie.
Perché occorre ogni volta compilare un questionario?
Il questionario e le domande complementari poste oralmente dal personale medico sono necessari per appurare qual è lo stato di salute del donatore.
Vengo informato sull’esito dell’esame del sangue ?
Ogni anno, o comunque per donazioni distanti più di un anno l’una dall’altra, al donatore verrà inviato a casa l’esito dell’esame del sangue.
Cosa avviene del sangue che ho donato?
Ogni prelievo di sangue viene innanzitutto sottoposto ad accurate analisi di laboratorio.
Gli sportivi di alto livello possono donare?
In via di massima si raccomanda di rinunciare ad attività sportive di alto livello (compresa l’immersione) per uno o due giorni dopo il prelievo.
Perché non si può donare sangue prima dei 18 anni?
Bisogna avere la maggiore età in quanto, dal profilo giuridico, la donazione di sangue è un intervento medico.
La donazione di sangue comporta un rischio per la salute?
No.
Donare è doloroso?
No. Donare sangue è una cosa totalmente diversa rispetto a ciò che molti si immaginano.
Devo aver un particolare peso per donare?
Il tuo peso non deve essere inferiore ai 50 kg.
Se ho un piercing o un tatuaggio, posso donare?
Sì. l’unica cautela, è che devono essere trascorsi 4 mesi da quando lo hai fatto.