Cosa serve per donare il sangue
Semplici regole per un grande gesto

2022-05-18T14:24:30+00:00 18 Maggio 2022|Attualità|
di Sergio Campofiorito

Cosa serve per donare il sangue?

Ci sono poche e semplici regole per un gesto solidale, altruista, salvavita che non richiede fatiche, non cagiona grattacapi e che, soprattutto, fa stare bene. Non soltanto il ricevente, ma anche il donatore.

Anzitutto la volontà: essere un donatore parte da una scintilla interiore, da uno scatto morale e da una consapevolezza che la vita, da quel momento, può cambiare. In meglio. Gli incontri di sensibilizzazione delle associazioni (le principali sono AvisCroce RossaFidas e Fratres), tra scuole, sagre, feste ed eventi, vertono proprio su questo punto: i donatori di sangue sono speciali perché, in maniera del tutto disinteressata, donano una parte di sé per il bene del prossimo, quasi sempre sconosciuto. 

cosaNon bisogna essere in forma olimpica per diventare volontari del sistema sangue, ovviamente ci sono alcuni parametri da rispettare a tutela sia del donatore, sia del ricevente: età compresa fra i 18 e i 65 anni (70 dietro parere medico); peso non inferiore a 50 chilogrammi; pressione arteriosa sistolica compresa tra 110 e 180 mmHg, la pressione arteriosa diastolica tra 60 e 100 mmHg; polso ritmico, regolare e con pulsazioni comprese tra 50 e 100/minuto.

Una volta scattata la scintilla, bisogna soltanto individuare la sede trasfusionale più comoda da raggiungere e prendere un appuntamento. Il Centro nazionale sangue mette a disposizione una comoda mappa online e geolocalizzata dove, in base alla propria posizione, è possibile individuare il centro più vicino alla propria abitazione. 

Preso l’appuntamento, tramite mail o per via telefonica, arriva il giorno della donazione in cui bisogna seguire alcune accortezze. I fumatori dovrebbero astenersi dalla sigaretta prima del prelievo al fine di donare un sangue più fluido e ricco di ossigeno. La colazione deve essere leggera, va benissimo la tipica colazione italiana che comprende caffè, thè, biscotti e fette biscottate. sono da evitare assolutamente latte e latticini, salumi, burro e grassi.

Altre accortezze riguardano la distinzione di genere: gli uomini possono donare fino a quattro volte l’anno con intervalli minimi di novanta giorni, le donne in età fertile fino a un massimo di due volte l’anno (vale sempre l’intervallo minimo di novanta giorni) e non possono donare da due giorni prima del ciclo mestruale fino al quinto giorno dopo la fine. Dopo la donazione di sangue è necessario bere abbondantemente ed evitare attività fisica intensa. 

Ecco cosa serve, tutto qui, niente di più. È il gesto più semplice del mondo, letteralmente come stare seduti in poltrona. E ogni sacca donata può salvare tre vite.