Invalidità per patologie del sangue
Le malattie che prevedono l’assegno

2022-03-23T14:25:05+00:00 23 Marzo 2022|Salute|
di Sergio Campofiorito

Invalidità civile e malattie del sangue, un tema troppo spesso dimenticato.

Il nostro sistema sanitario  tuttavia prevede un assegno destinato ai cittadini italiani di età compresa tra i 18 e i 65 anni che riportano menomazioni congenite o acquisite durante l’arco della vita.

Ma in quali casi è possibile chiedere l’invalidità?

Sono considerati invalidi civili anche i minori di 18 anni e gli over 65 che manifestano difficoltà persistenti a svolgere compiti e funzioni proprie dell’età.

invalidità

Talassemia

L’attribuzione dell’invalidità civile, secondo le leggi in vigore, si basa quindi sulla capacità lavorativa e sull’impossibilità di avere una vita normale commisurata alla propria età. Le valutazioni spettano a una apposita commissione delle aziende sanitarie locali, mentre il certificato viene rilasciato dai medici dell’Inps.

Un decreto ministeriale del 5 febbraio 1992 fissa in tabelle le malattie che rientrano nella valutazione delle Asl, secondo le quali è possibile stabilire la percentuale di invalidità che, nei casi più debilitanti, può arrivare al 100%.

Anche alcune malattie del sangue possono portare a essere considerati invalidi civili, nello specifico sono due: la talassemia major e l’anemia falciforme, note in ambito medico come morbo di Cooley e drepanocitosi. Chi è affetto da tali patologie ha diritto a un trattamento pensionistico di 515 euro (pari al minimo pensionistico) per tredici mensilità. Questa prestazione economica è compatibile con altre forme assistenziali o previdenziali. 

invalidità

Test per malattie del sangue

Il morbo di Cooley è una malattia del sangue ereditaria scatenata da un difetto genetico che provoca la distruzione dei globuli rossi. I sintomi portano a stanchezza e scarsa crescita causati dalla minore ossigenazione di organi e muscoli. Chi è affetto da morbo di Cooley deve sottoporsi a continue trasfusioni di sangue.

La drepanocitosi è una forma di anemia riconoscibile dalla tipica alterazione dei globuli rossi che assumono una forma di falce. Le cellule così deformate hanno meno mobilità e tendono a occludere piccole arterie e capillari. Ciò predispone a chi ne è soggetto a trombosi e ischemie. L’unica cura contro la drepanocitosi è il trapianto di cellule staminali o di midollo osseo.

Nelle tabelle che delineano le patologie per le quali è possibile chiedere l’invalidità civile rientrano anche le malattie a carico dell’apparato cardiocircolatorio. È il caso di chi soffre di aritmie, cardiopatie o miocarditi.

Oltre all’aiuto economico, coloro che soffrono di morbo di Cooley o di anemia falciforme hanno continuo bisogno della buona opera dei donatori: di sangue o di midollo osseo.