Il Covid frena le donazioni del sangue cordonale: bene prezioso salvavita

2021-11-23T19:03:14+00:00 24 Novembre 2021|Attualità|

È una risorsa ancora poco conosciuta, ma è a tutti gli effetti una terapia salvavita, anche se sono passati più di 30 anni dal suo primo trapianto. Il sangue cordonale è una delle fonti alternative di cellule staminali emopoietiche utilizzate in medicina: una possibilità preziosa, testata per la prima volta il 15 novembre 1988 su un bambino anemico, che molte mamme scelgono di donare, ma che nell’anno dell’arrivo del Covid-19 ha subìto un brusco rallentamento.

LEGGI la notizia su corriere.it