India, la storia di Singh e Bansal, donatori di plasma iperimmune

2021-02-11T00:51:52+00:00 11 Febbraio 2021|storie|

Appoggiato a un letto della Delhi Plasma Bank, il 52enne Gajendra Singh osserva la macchina per aferesi alla sacca appesa mentre si riempie di un liquido giallastro. Il liquido è il plasma che è venuto a donare nella banca del sangue. Singh era risultato positivo al Covid-19 a maggio.

Era asintomatico e riceveva cure in isolamento domiciliare. È diventato negativo il 4 giugno ed è venuto a donare il suo plasma sanguigno in banca dopo che uno dei suoi amici lo aveva richiesto durante il trattamento in un ospedale privato.

A distanza di due letti da quello di Singh, il 29enne Deepak Bansal è sdraiato su un altro letto e controlla costantemente l’ora mentre la macchina dell’aferesi raccoglie il plasma. Bansal sembrava un po ‘impaziente e diffidente. “Sono stato qui per l’ultima mezz’ora. Ho pensato che ci sarebbe voluto tutto il tempo necessario per la donazione di sangue. Inoltre, spero di non avere effetti collaterali gravi in ​​seguito”, ha detto.

Mentre Bansal ha paura degli effetti collaterali dopo la donazione, la famiglia di Singh ha paura che possa contrarre nuovamente il virus. “Mia moglie era totalmente contraria. Teme che io possa contrarre il coronavirus ancora una volta. Avevo anche chiesto ai medici se posso donare il plasma a casa mia. Ma hanno detto che non è possibile”, ha detto.

LEGGI l’articolo su Nationalheraldindia.com