Il fil rouge tra Italia e Afghanistan fa parlare di sè
Un progetto di solidarietà da diffondere all’estero

2020-08-28T10:42:24+00:00 28 Agosto 2020|Mondo|
di Giancarlo Liviano D'Arcangelo

Qualche settimana fa abbiamo parlato di una storia importante, di collaborazione e solidarietà internazionale: un fil rouge tra Italia e Afghanistan che ha come focus un progetto ormai decennale che mira a curare l’emofilia in un paese molto complesso sul piano dell’efficienza sanitaria.

Formazione, invio di plasmaderivati, monitoraggio e tutte le attività necessarie ad assicurare ai malati di emofilia le cure di cui hanno bisogno grazie al supporto delle istituzioni italiane e di aziende farmaceutiche specializzate nella plasmalavorazione, come l’italiana Kedrion Biopharma. La storia del piccolo Taimoor, origine di tutto, raccontata nel podcast che segue da Patrizia Collavo De Mas, farmacista di Trieste, e Arif Oryakhail, consulente tecnico per la salute pubblica dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo del ministero degli Esteri, è un’esperienza che tutti dovrebbero conoscere, e che ha già avuto una grande eco in Italia e suscitato molta ammirazione tra gli addetti ai lavori.

Ecco allora la versione del podcast sottotitolata in inglese, affinché anche all’estero possa arrivare tutta la bellezza e l’efficacia della solidarietà che si organizza e riesce a creare circoli virtuosi in grado di salvare vite umane. Buon ascolto.