«Avevo il terrore dell’ago
ma una volontaria mi aiutò»

2019-01-18T10:45:46+00:00 17 Gennaio 2019|
di Elia Carlos Vazquez*

Ho donato il sangue la prima volta quando avevo 20 anni. Avevo sentito parlare di donazione di sangue ma sempre in modo molto sfuggente. Non avevo un’idea precisa e non conoscevo il mondo del volontariato legato al sangue. Ho deciso così di contattare l’associazione territorialmente più vicina a casa mia.

Devo dire che l’elemento positivo, al di là del fatto di ricevere tutte le informazioni tecniche su come donare il sangue, dove farlo, cosa mangiare prima e dopo, ho ricevuto immediatamente la richiesta di fare un incontro. Abbiamo semplicemente preso un caffè al bar e mi è stato spiegato non solo cosa significa donare il sangue, ma anche che vuol dire essere volontario. Qualche giorno dopo sono andato a donare.

La prima volta fui accompagnato da una ragazza che era volontaria e aveva addirittura due anni in meno di me. Abbiamo donato insieme. Quell’aspetto relazionale è stato molto importante poi per fare il passo successivo per trasformarmi da semplice donatore a volontario. Anche io avevo le mie paure la prima volta, a cominciare da quella dell’ago.

Quando però ti rendi conto poi quanto è piccolo lo sforzo che fai per donare il sangue, rispetto al bene che fai e alla salute che ottiene chi lo riceve, tutte queste piccole paure passano!

*Elia, 26 anni, vive a Mondovì (Cuneo), è il presidente nazionale Fidas giovani