Piemonte e Lombardia sono le regioni più virtuose
Questi i numeri della compensazione interregionale

2019-10-22T11:36:48+00:00 22 Ottobre 2019|Attualità|
di Emiliano Magistri

Sono Piemonte e Lombardia le regioni italiane più virtuose in quanto a contributo in fase di compensazione interregionale. È il dato che emerge dal Programma di autosufficienza nazionale del sangue e dei suoi prodotti per il 2019 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

Il testo, che nei mesi scorsi aveva già incassato l’ok sia della commissione Salute delle Regioni che della conferenza Stato-Regioni, indica i consumi storici, i livelli di produzione necessari, nonché le linee guida per la compensazione interregionale e il monitoraggio dell’autosufficienza. Un punto fondamentale in particolare per l’impatto che tutto questo avrà su gestione e organizzazione dei vari sistemi trasfusionali regionali. Proprio in termini di consumi, il Programma individua in 70mila “le sacche cedute dalle regioni che hanno registrato una maggiore produzione rispetto a quelle in deficit“, e che hanno contribuito a garantire l’autosufficienza nazionale per il sangue.

Lazio e Sardegna sono stati i due territori che più hanno beneficiato della compensazione nel corso del 2018, mentre è andata meglio ad Abruzzo e Toscana. Tra le regioni più virtuose ci sono anche l’Emilia Romagna, le province autonome di Trento e Bolzano, il Friuli Venezia Giulia, la Valle d’Aosta e le Marche.

Dati in crescita arrivano invece in merito ai farmaci plasmaderivati. L’albumina ha raggiunto il 70% di produzione, l’antitrombina il 76%, mentre le immunoglobuline per uso endovenoso sono arrivate al 73%.

LEGGI la notizia della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale

LEGGI la notizia sulla reazione dei donatori

LEGGI la notizia sulla reazione del presidente di Aip

LEGGI la notizia sulla reazione dei pazienti talassemici