Terni, chiamata programmata per evitare carenze o eccedenze di sangue

2019-03-12T12:42:06+00:00 12 Marzo 2019|Attualità|

Secondo l’Avis regionale Umbria, al fine di evitare carenze o eccedenze di sangue e plasma sarebbe fondamentale  la chiamata programmata. Il problema riscontrato è che però “Avis non è in possesso dei dati necessari, ovverosia  soglie minime per gruppo, esigenze settimanali programmate e scorte presenti per ogni servizio immunotrasfusionale.” L’Avis umbra infatti “non è stata messa nelle condizioni di assolvere ai suoi impegni perché i direttori generali delle aziende ospedaliere e delle unità sanitarie locali, firmatari unitamente alla Regione della convenzione vigente, non rispondono nemmeno alle numerose sollecitazioni e richieste avanzate dall’associazione tese ad un miglioramento continuo dei servizi.”

Leggi la notizia su Termininrete.it